Gli svantaggi dei probiotici

I batteri amichevoli che naturalmente risiedono nel corpo promuovono la salute digestiva, aumentano il sistema immunitario e forniscono altri vantaggi. Diverse forme di questi ” buoni ” batteri sono prontamente disponibili come integratori alimentari e l’utilizzo di questi prodotti potrebbe riguardare specifiche preoccupazioni per la salute, anche se non esistono prove sufficienti nella maggior parte dei casi per trarre conclusioni chiare sui loro vantaggi. Mentre in genere è sicuro per la persona media e sana da prendere, alcune preoccupazioni circondano l’uso di probiotici in casi specifici.

Effetti collaterali

I probiotici in genere non causano effetti collaterali significativi. Prendendoli in quantità più grandi potrebbe produrre problemi digestivi, come il gas e il gonfiore, ma sono di solito temporanei. Il Centro medico dell’Università di Maryland rileva un rapporto di caso di un individuo che soffre di una grave reazione allergica ai prebiotici, un supplemento simile ai probiotici, ma questo tipo di reazione è molto raro.

Preoccupazioni per gli individui con sistemi immunitari compromessi

Mentre i probiotici potrebbero offrire alcuni vantaggi per il sistema immunitario, potrebbero danneggiare in individui con l’immunità compromessa. In questo caso, probabilmente i probiotici potrebbero causare infezioni. Se prendi farmaci che indeboliscono il sistema immunitario, come agenti chemioterapici o immunosoppressori, o che hanno condizioni che sopprimono la vostra funzione immunitaria, come l’HIV, usando i probiotici, potrebbero fare più danni che bene. Segnalazioni di individui che avevano compromesso la funzione immunitaria, contraendo una grave infezione fungina dopo l’utilizzo del probiotico S. boulardii.

Preoccupazioni per i pazienti critici

Uno studio olandese, pubblicato nel numero di febbraio 2008 del “The Lancet”, ha voluto testare gli effetti dei probiotici nel prevenire le infezioni nei pazienti con grave pancreatite acuta, una condizione con un elevato rischio di complicanze. Il tasso di mortalità è stato effettivamente più elevato nel gruppo di trattamento rispetto al gruppo placebo. In questo caso, non dovresti utilizzare gli integratori probiotici. Un articolo pubblicato sul quotidiano “Sunday Times” di Londra, nel novembre 2008 riporta che i risultati di questo studio hanno portato l’autorità olandese per la sicurezza dei prodotti alimentari e dei consumatori per regolare questi supplementi non dovrebbero essere utilizzati in nessun paziente in terapia intensiva. I risultati di questo studio suscitano preoccupazioni circa l’uso di integratori probiotici in persone gravemente ammalate.

Individui con valvole a cuore artificiale

Il Medical Center dell’Università di Maryland riferisce che il lattobacillus acidophilus probiotico potrebbe causare un’infezione batterica rara in pazienti con valvole cardiache artificiali. Se questo vale per voi, evitate definitivamente questo ceppo e controllate con il proprio medico prima di utilizzare qualsiasi altro tipo di probiotico.