L’effetto dell’ipertensione su un neonato

L’ipertensione, nota anche come pressione alta, in una madre in grado di influire sul suo nascituro in molti modi. Una donna è considerata come ipertensione se la pressione sanguigna è 140/90 o superiore; una lettura di 180/110 o superiore è considerata grave. Ci sono due distinti tipi di ipertensione di gravidanza: cronica e gestazionale. Ognuno ha una causa diversa e diversi effetti sulla madre e sul bambino. Ipertensione gestazionale grave può portare alla preeclampsia o all’eclampsia. Il più grave è il caso dell’ipertensione, maggiore è il rischio di problemi.

Ipertensione cronica

L’ipertensione cronica si sviluppa prima della gravidanza della donna. A volte la donna è consapevole di avere elevata pressione sanguigna e può addirittura essere in medicina. In altri casi, la mamma-to-be scopre che è ipertensiva durante un esame prenatale di routine nel primo trimestre. L’ipertensione cronica può portare a una restrizione intrauterina della crescita, o IUGR, una condizione in cui il neonato non può ottenere sufficienti nutrienti e ossigeno attraverso la placenta e quindi il bambino cresce troppo lentamente. Altri possibili problemi derivanti dall’ipertensione cronica includono la nascita pretermina, la morte e l’abruption placentare, una condizione in cui la placenta si stacca dall’utero prima che il bambino sia nato.

Ipertensione gestazionale

L’ipertensione gestazionale, chiamata anche ipertensione indotta da gravidanza, si sviluppa durante la gravidanza dopo la 20a settimana. Le gravidanze con ipertensione gestazionale mettono anche il nascituro a rischio di IUGR, nascita morta, nascita pretermine e abrasione placentare. L’ipertensione gestazionale aumenta la probabilità di sviluppare la preeclampsia o l’eclampsia, le condizioni che uniscono l’ipertensione e la proteina nelle urine.

Preeclampsia ed Eclampsia

La preeclampsia è la forma meno grave dell’eclampsia pericolosa. In entrambe queste condizioni, la donna incinta non solo ha alta pressione sanguigna, ma ha anche proteine ​​nelle urine, che un test urinario deve rilevare durante le visite prenatali standard. Queste condizioni possono causare tutti gli stessi problemi di altre forme di alta pressione sanguigna e anche un problema chiamato acidosi, in cui il corpo del bambino crea troppo acido lattico e cade inconsapevolmente nel ventre materno. Nel caso peggiore, la preeclampsia e l’eclampsia possono portare alla morte sia della madre che del bambino se non trattati.

Prevenzione / Trattamento

Non esiste alcuna prevenzione o trattamento di sicurezze per ipertensione cronica o gestazionale durante la gravidanza. Limitando l’assunzione di sale, usando i farmaci per l’ipertensione sicuri per l’uso durante la gravidanza e il resto del letto può comunque aiutare alcune donne in gravidanza a abbassare la pressione sanguigna. Il trattamento standard per ipertensione grave di tipo o ipertensione accompagnato da proteine ​​nelle urine è quello di consegnare il bambino al più presto possibile. In alcuni casi, ciò può comportare la consegna di un neonato precoce, che può influire sulla salute del bambino se non è pronta a prosperare al di fuori del ventre materno.

Problemi futuri

I problemi futuri per i bambini nati da una madre ipertensiva, in particolare i neonati che sono nati prurito a causa dell’ipertensione materna, includono disabilità di apprendimento, paralisi cerebrale, epilessia, sordità e cecità. Questi bambini possono anche essere più inclini al diabete o all’ipertensione del proprio quando invecchiano.